• 20 Settembre 2021 18:54

Forumguadagno.it

Il blog che ti aiuta a guadagnare online, a risparmiare e tanti altri consigli

Come richiedere ed ottenere prestiti con tempistica rapida

DiFGadmin

Dic 27, 2016

Guida ai prestiti rapidi

Cosa sono i prestiti rapidi

Trattasi di una tipologia di prodotto finanziario di nuova generazione che permette di godere di un prestito senza dover quindi attendere i lunghi tempi necessari nei casi dei prestiti più comuni.

La domanda per questa tipologia di prestito è sempre crescente, infatti molti consumatori trovano enormi vantaggi ad avere un’erogazione immediata di denaro. Vi sono diverse offerte di prestito rapido, data la pluralità di esigenze dei consumatori e dalle condizioni di vita che li contraddistinguono.

Cominciamo ad analizzare queste differenze osservando che la velocità di erogazione di un prestito è data da due fattori: la piccola “dimensione” del prestito, cioè la sua esigua entità, e la possibilità di richiederlo online, saltando quindi diverse fasi burocratiche.

I tempi di erogazione del prestito

Abbiamo accennato al fatto che si tratta di prestiti di piccola entità, infatti la quota concessa non supera i 5.000 euro, vi sono delle società finanziarie che, se i requisiti del richiedente sono in linea con quelli richiesti dall’istituto e se il cliente è in grado di fornire tempestivamente la documentazione necessaria, effettuano il versamento nell’arco della stessa giornata della richiesta, mentre, nel caso di somme più alte, è necessario conoscere la storia creditizia del richiedente.

Nel caso questa presenti qualche intoppo o i documenti non sono completi, allora i tempi si allungano alle 48 ore e oltre, perdendo così l’accezione di “rapido”. Altre società permettono di richiedere un anticipo sul prestito totale, ossia un acconto su cui verrà trattenuta una quota spese che solitamente si aggira intorno all’1%, mentre si avrà accesso al saldo complessivo solo una volta ultimata la pratica.

I tassi d’interesse

La necessaria rapidità del prestito non deve però distrarre da quelli che sono i costi effettivi del prestito, ossia i tassi d’interesse, i quali rappresentano il fattore che fanno la differenza più di tutti gli altri che compongono il prestito. In particolare, i due tassi da tenere presente sono il TAN (Tasso Annuo Nominale) ed il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale), anche conosciuto come ISC (Indice Sintetico di Costo).

Quindi, è necessario che il prestito abbia due caratteristiche: che sia veloce, cioè non abbia tempi troppo lunghi per l’effettiva realizzazione, e che sia conveniente, cioè presenti tassi d’interesse bassi rispetto alla media.

Bisogna prestare attenzione, visto che è molto facile imbattersi in dei prestiti che presentino solo una di queste due caratteristiche: in quei casi, non bisogna accontentarsi e continuare la ricerca, e trovare il prestito veloce e che sia conveniente per il proprio profilo.

Chi può richiedere il prestito rapido

Al fine di ottenere un prestito rapido è necessario poter offrire, alla finanziaria a cui ci si rivolge, alcune garanzie, al fine di consentirle la velocizzazione delle pratiche di verifica e gli accertamenti anagrafici e fiscali.

Da questo punto di vista, sono avvantaggiati i lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, visto che il regolare inquadramento lavorativo offre la garanzia del pagamento puntuale delle rate che costituiscono il rimborso del prestito.

Ciò non vuol dire che questo tipo di prestiti siano preclusi ai lavoratori autonomi ed ai pensionati:

  • per i primi sarà necessario presentare l’ultima dichiarazione dei redditi,
  • mentre per i secondi servirà presentare il cedolino pensione.

Questi documenti costituiscono la garanzia necessaria per la società finanziaria una vera e propria garanzia che il debito in essere venga restituito, attraverso le rate.

Documenti necessari per la richiesta di un prestito rapido

I documenti necessari affinché la finanziaria proponente sia nelle condizioni migliori per erogare il prestito in tempi brevi è necessario che vengano presentati al momento della richiesta, in modo da permettere all’istituto di analizzare le pratiche in modo immediato.

Tali documenti sono gli stessi necessari all’accensione di un prestito classico:

  1. vale a dire il documenti d’identità del richiedente,
  2. il suo codice fiscale (od, in alternativa, la tessera sanitaria)
  3. ed un documento che attesti il reddito, che sia il CUD, la dichiarazione dei redditi per i lavoratori autonomi,
  4. la busta paga per i dipendenti o il cedolino pensione per i pensionati.

Bisogna tener conto, però, del fatto che il requisito principale per richiedere il prestito è la capacità di rimborso del richiedente, attesta, appunto, dall’ultimo dei documenti sopra elencati.

In questo caso, come in quello del prestito classico, infine, l’istruttoria della pratica, ossia l’iter necessario affinché la richiesta di prestito venga accettata, consiste nella valutazione della compatibilità tra l’importo richiesto ed il reddito del richiedente, e, di conseguenza, le sue garanzie e la sua affidabilità.

FGadmin

Ciao sono FGadmin, creatore di forumguadagno.it Sono appassionato di metodologie di guadagno online, creazione e sviluppo siti internet, strategie seo e dintorni. Il mio lavoro online è un passatempo perchè so che è molto difficile riuscire a vivere solo grazie internet. Prendo tutto alla leggera ma ci dedico impegno per migliorare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Live casi Covid